Ultime Notizie / Letzte News

 

Motto del Mese: "Non è piuttosto questo il digiuno che voglio:

sciogliere le catene inique,

togliere i legami del giogo,

rimandare liberi gli oppressi

e spezzare ogni giogo? (Is 58,6)

 

Motto des Monats “ Ist nicht das ein Fasten, wie ich es wünsche: die Fesseln des Unrechts zu lösen, die Stricke des Jochs zu entfernen, Unterdrückte freizulassen, jedes Joch zu zerbrechen?“ (Jesaja 58,6)

 

 

 

“Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo” (Mc 1,15).

Cari fratelli e Sorelle,

Dai tempi molto antichi, la chiesa prese la chiamata di Gesù nel Vangelo di Marco (vedi anche Mt 4,17) soprammenzionata. In questa chiamata vediamo quattro elementi del rinnovo messianico: 1) Tempo compiuto; 2) Regno di Dio; 3) Convertitevi e credete; 4) Vangelo.

Tutto inizia dunque, con l’annuncio del compimento del tempo oppure in parole povere: la maturazione del culmine di un punto di decisione. Nella lettera ai Gàlati Paolo ci spiega di che si tratta, quando si parla del compimento del tempo: “ Ma quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Legge, per riscattare quelli che erano sotto la Legge, perché ricevessimo l'adozione a figli” (Gal 4,4-5). Si tratta dunque raggiungere il tempo della liberazione attraverso la verità incarnata.

Questo indica comunque che “il regno di Dio è vicino”. La vicinanza non implica dunque distanza in questo caso, bensì è vicino di essere realizzato, costruito. Prova ne abbiamo l’asserzione di Gesù nel Vangelo di Luca: “farisei gli domandarono: «Quando verrà il regno di Dio?». Egli rispose loro: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l'attenzione, e nessuno dirà: «Eccolo qui», oppure: «Eccolo là». Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!»” (Lc 17,20-21). L’originale greco è chiaro quando dice “IN/DENTRO VOI”. Come? La lettera ai Romani spiega dicendo: “Il regno di Dio infatti non è cibo o bevanda, ma giustizia, pace e gioia nello Spirito Santo:” (Rm 14,17).

Tutto questo quindi ci annunzia che Dio decise di liberarci attraverso la verità (la sua parola vera, ossia Gesù), dandoci i mezzi per realizzare il regno di Dio che è: pace, giustizia e gioia.

Segue, allora, l’appello a conoscere e riconoscere questa realtà voltando le spalle al nostro modo negativo di vedere il mondo, abbracciando la luce e ritornando alla via salva. “convertitevi” di per sé non è un imperativo autoritario, bensì una chiamata a vedere e riconoscere dove sta la verità che libera.

Dove trovare dunque questa verità? Semplice, nel racconto della vita del Gesù, uomo storico e perfetto, in lui si confluisce la presenza della parola di Dio portatrice della verità e conseguentemente della pace, della giustizia sociale. È la luce della verità quindi che ci libera e ci porta alla gioia. Per questo, la quaresima è il tempo della “RISCOPERTA” della buona notizia, che in greco si chiama “Vangelo”. Riscoprire la vita di Gesù, riconoscere la sua verità e la luce della sua parola ci porta vincitori al giorno della Pasqua.

Facciamo insieme questo cammino di scoperta e di crescita umana. 

 

 

 

 

 

P. Marwan Youssef

Dirigente & Pastore della Missione Cattolica Italiana - Lippstadt

 

Gennaio 2021

 

 Le 6 lettere greche/die 6 griechische Buchstaben

  • Le lettere verticali formano la parola „fos“, cioè „luce“.
  • Die vertikale Buchstaben bilden das Wort „Fos“, nämlich „Licht“.
  • Le lettere orizzontali formano la parola „Zoe“, cioè „vita“.
  • Die horizontale Buchstaben bilden das Wort „Zoe“, nämlich „Leben“.

 

Giovanni 10,10 come Motto/Die Bibelstelle Johannes 10,10 als Motto

  • Io sono venuto perché abbiano la vita, e l’abbiano in abbondanza. (Gv 10,10).
  • Ich bin gekommen, damit sie das Leben haben und es in Fülle haben. (Johannes 10,10).

L’acronimo MCI/Das MCI Akronym

  • L’abbreviazione MCI sta per Mission Cattolica Italiana.
  • Die MCI Abkürzung steht für Mission Cattolica Italiana.

 

 

 

 

 

Design: P. Marwan Youssef